Che cos’è la mente mindful?

Prima di tutto darò una breve e concisa definizione della mente secondo le più recenti scoperte delle neuroscienze.

La mente è un processo regolatore di flussi di informazioni ed energia, tale processo determina la relazione tra noi e il mondo, tra noi e la vita, tra noi e gli altri e tra noi e noi stessi.
Se il processo è fluido, elastico e dinamico, noi ci adattiamo meglio alla vita e alla realtà che ci circonda, con il conseguente risultato di un crescente benessere psicofisico.

Inoltre gli studi hanno evidenziato che quando la mente funziona bene l’individuo vive una sorta di espansione costante della coscienza, che lo porta a dare alla vita un significato diverso da quello attuale, lo porta anche a vedere se stesso in modo completamente nuovo e unico.

L’individuo è molto più libero di scegliere ed agire, ma anche molto più unito e connesso a tutto ciò che esiste, dalle persone alla Natura stessa.

Esistono molte definizioni per descrivere questo stato di funzionamento della mente, noi lo chiameremo mente mindful o mente libera.

 

 

La mente mindful è una mente focalizzata in grado di cogliere la pienezza di tutti gli stimoli in ogni momento, una mente in grado di essere ancorata nel qui e ora, in grado di riconoscere quello che si muove nel mondo interno della persona e in quello esterno.

La mente mindful è il prodotto di un cervello mindful, come viene definito da D.J.Siegel nel libro “mindfulness e cervello”.

In questi anni troviamo parecchie pubblicazioni che parlano di mindfulness, di cervello e di mente mindful, quindi è possibile che ogni tanto ci si possa confondere. Io cercherò di darvi più spiegazioni possibili per capire le distinzioni di tali termini, però vi assicuro che per praticare il Neurofitness, le parti teoriche che troverete in questo testo sono più che sufficienti.
In questo libro ci focalizzeremo molto sulle istruzioni della pratica, e soprattutto sulle implicazioni esistenziali e filosofiche che essa implica.
In relazione al funzionamento della mente mindful ci basta sapere che è:

  • attenta, focalizzata, brillante e presente
  • capace di fermare l’attimo e vivere il presente
  • capace di sviluppare una sintonizzazione profonda con sé stessi e gli altri
  • capace di gestire gli automatismi della mente “ordinaria”
  • capace di donarci serenità profonda
  • capace di attivare la resilienza e la volontà in modo efficace
  • capace di rispondere al meglio alle sfide quotidiane della vita
  • una mente libera dalle pastoie dell’educazione, della cultura, del passato traumatico e da vincoli inconsapevolmente autoimposti.

I vantaggi di una Mente Mindful


I vantaggi psicologici di una mente mindful sono molteplici: dall’attenzione che può essere focalizzata dove desideriamo senza disperdersi in mille frammentazioni, al poter vivere relazioni armoniche, al poter gestire le nostre emozioni e soprattutto i nostri pensieri.

Possono essere riassunti in libertà, pienezza della vita, equilibrio, serenità e predisposizione alla felicità.

I vantaggi fisiologici vanno dal calo dello stress, alla prevenzione del decadimento cognitivo nel senso che il cervello invecchia meglio; ma li vedremo più avanti.

I vantaggi esistenziali sono legati al concetto di libertà, che sulle scie dell’esistenzialismo viene intesa come possibilità di scegliere chi essere e come essere.

Quindi anche libertà di decidere come affrontare e gestire la propria vita, nonostante le pressioni culturali e famigliari, nonostante il nostro ingombrante passato di bambini e tutti i condizionamenti che ne sono derivati. Quindi nonostante i traumi, le emozioni limitanti, le convinzioni deliranti, i pensieri automatici depotenzianti e i giudizi che diamo a noi e agli altri.

Come attivarla?

Facendo letteralmente ginnastica al cervello e alla mente in modo intuitivo, semplice, divertente e sorprendente, attraverso il Neurofitness.

Le componenti necessarie

la mindsight, che il neuro scienziato D.J Siegel definisce come la capacità di focalizzare l’attenzione e di guardare i processi della mente

la volontà consapevole, che Roberto Assagioli definisce come la capacità di scegliere e decidere “nonostante” tutti gli ostacoli emotivi e cognitivi creati dalla nostra mente.
Egli afferma che “Il più prezioso aiuto che possiamo dare è quello di insegnare alle persone ad aiutarsi da sé”, con strumenti che consentano loro di riscoprire tutte le qualità e le capacità che le rendono uniche ed in grado di essere profondamente se stesse nelle diverse circostanze e accadimenti della vita.

Per Assagioli “Questo è il nostro potere che dipende dalla nostra libera scelta, da una nostra decisione, quindi da un atto di volontà”.

la mindfulness, intesa come la capacità volontaria e consapevole di focalizzare l’attenzione per vivere la pienezza dell’esperienza della vita.

 

Vuoi approfondire l’argomento del NEUROFITNESS?

Puoi farlo leggendo il mio nuovo libro “PRATICARE IL NEUROFTINESS” Istruzioni per una mente libera

No Comments

Post A Comment